Il nuovo vocabolario di Luce

Eccoti le parole della trasformazione, le parole che cioè, cambiamo quello che sei adesso, in ciò che vorresti essere. Usale. Prova a formulare delle frasi, degli intendimenti reali, e credici!

Vedrai quanta forza hanno le tue immagini interiori, e quanto possano le parole… spesso sento dire alle persone cose che non vorrebbero dire. Io non voglio farti correre questo rischio, quindi in questo cammino ho inserito una serie di frasi, di piccoli edifici che attendono di essere abitati dal tuo senso.

AMORE: amare se stessi è aiutare chiunque incontri trasmettendo la luce e l’energia che emani. Tutto è amore e l’amore è il motore del cosmo e dell’essere umano. C’è un solo modo di vivere realizzandosi: amare essendo amore.

SUCCESSO: parla il più possibile sentendo il tuo successo come fattore reale, e sarà stata creata la tua vita nella modalità vincente.

IMMAGINA: immagina le cose che vuoi, smetti di “scaricare” le tue paure o il tuo coraggio, come fai con i brani da internet; oggi puoi coltivare la passione del tuo straordinario viaggio, scrivendo la tua potenza.

DESIDERO: dì spesso “Io desidero”, anziché lasciare che le altre persone desiderino la posto tuo: troppo spesso la co-dipendenza è alimentata dalla sterilità del nostro campo dei desideri. Fai in modo che la tua Dream-list sia forte e presente, e lavora sul passo successivo, realizza, realizza, realizza!

REALIZZO: usa spesso la parola “realizzo”; non lasciarti “andare” al gioco dell’abbandono, perché poi potresti scoprire di essere insoddisfatta per non aver creato. Come è importante realizzare! Vedrai ciò che hai immaginato divenire reale solo se applicherai i pochi insegnamenti di questo libro.

SAPERE: ci sono cose che sai, perché le hai studiate a scuola ed altre che invece conosci dalla tua nascita. E’ importante “far scendere” dentro di te le conoscenze di cui hai fatto esperienza, fino al livello “automatico”. Quel livello dal quale tutto accade senza l’ausilio del pensiero. Camminare è un’azione che sai fare senza pensarci: tu muovi le gambe, tieni l’equilibrio senza sforzo, e così allo stesso modo imparerai a manifestare ciò che sai con la naturalezza che usi nel respirare.

IO SONO: l’ “Io sono” è una trappola forte, non sempre capace di potenziarti; se dici “Io sono… triste”, cosa accade? Accade che l’energia del tuo “descriverti” si trasforma in sostanza chimica che ti crea ogni istante. Prova a dirti “Io sono felice” per 10 volte, e nota che chiudendo gli occhi, e verbalizzando la frase fra un respiro e l’altro, come cambi il tuo stato d’animo. Usa il tuo essere attribuendoti aggettivi sempre positivi.

FALLIMENTO: non dire mai la parola “fallimento”; non esiste l’insuccesso nella vita! Esiste solo la possibilità di non credere e se la applichi, diventi una persona spenta e triste! Attenzione a vedere fallimenti nella tua vita e a usare questa parola. Una signora che diceva sempre: ho fallito, faticava a trovare la felicità… secondo te perché? Trasforma tutte le espressioni che ricollegano al fallimento al successo! Vedrai cambiare lo scenario in tempo reale! Diventa il regista del tuo film, subito!

SPERIAMO: non sperare mai, o finirai per di-sperare; nella dieta, nelle relazioni, se dici “speriamo”, ottieni l’insuccesso; allora dì sempre dentro e fuori di te “sono certo che”!

CAMBIARE: ecco una parola che ben esprime la tua azione: prova a cambiare. Ma dillo frequentemente, anziché sperarlo! Crea una o più frasi, che contengano la frase “Io Cambio”: sei proprio come una macchina celeste, che adesso ha deciso di cambiare marcia!

NON POSSO, NON RIESCO, NON….: l’uso delle negazioni comporta secondo differenti scuole effetti diversi; il mio suggerimento è quello di usare solo ed esclusivamente affermazioni positive, piuttosto che frasi “in negativo”. Anche se la negazione può attivare l’azione. Mi spiego. Se tu dici ad un bambino “Non fare questo”, lui accende nel cervello “il fare questo”.

Quando formuli frasi dentro di te, cerca comunque di “Non Usarlo”.

STRAORDINARIO: sei tu, sono io, sono tutte le persone che come te accadono nella loro meraviglia ogni istante. Ricordalo, ma di questo sarò certo quando vedrai anche tu la tua luce brillare, proprio come io la vedo adesso.

ESSERE, AVERE: attenzione a non dirti “Io sono così”; potresti finire con l’ingabbiarti in discussioni sterili con te stesso. Tu sei tutto, e potresti essere il contrario di tutto. Il fatto di essere ti porta ad avere: cioè una volta una signora mi disse che aveva mal di testa, e io le risposi che poteva “Non Averlo Più”.
Ciò che hai lo puoi cambiare, ma quando “Sei il tuo mal di testa, diventa più difficile il processo di cambiamento, capisci?”.

Se tu sei una cosa, un atteggiamento, come potrai smettere di essere?

Alle riunioni di ex alcolisti, immagina tutte le persone dire “Io Sono un ex alcolista…

Tu sei Piero (ad esempio) e “Hai Avuto il Vizio dell’Alcool” vizio che… “Hai Perduto”.

Durante una trasmissione radio, mi chiesero come “Ri-Avere” la persona amata e quando risposi, restarono male perché dalle mie parole, non trovarono appigli facili o populisti.

“Non puoi avere nessuno. Puoi essere innamorato. Ma sei hai avuto una persona e l’hai perduta come fai con le chiavi o con il portafogli, forse, dovresti riflettere meglio sul senso di essere e avere”.

Queste parole verranno aggiornate e nel seminario che tengo “Sarai un essere straordinario, anche grazie alle parole che apprenderai”, perché cara amica, ogni lettera è morta, fino a che non le dai il fiato per volare in alto nel cielo. Il tuo blu è grande, ma devi avere la forza e la naturalezza di guardarlo.

Sei un essere straordinario, lo sai?

Marco Colantuoni

Tratto dal libro: “Sei un essere straordinario, lo sai?

Se trovi gli articoli, le traduzioni e le recensioni di questo sito utili, per favore sostienilo con una donazione. Grazie!


Anime Radianti © 2017 All Rights Reserved

Built by RadiantFlow