Recensioni Libri: Wabi Sabi – Trova la Bellezza nell’Imperfezione di Oliver Luke Delorie (Armenia Edizioni)

È mia consuetudine ormai da molti anni quella di suggerire tramite la newsletter del sito un libro al mese, ma mai “libro del mese” è stato più appropriato e sincronisticamente allineato al mio vissuto di quello suggerito per questo mese di luglio. Il testo a cui mi riferisco è Wabi Sabi – Trova la bellezza nell’imperfezione – di Oliver Luke Delorie. Non conoscevo l’autore, né avevo la benché minima idea di cosa fosse il Wabi Sabi, ma mi sono fidata del consiglio di mia sorella in quanto grande appassionata e studiosa di cultura orientale. Il libretto prometteva e le immagini che accompagnavano i brevi messaggi erano molto suggestive. Mi sono detta che sarebbe stata la perfetta lettura estiva da suggerire ai miei lettori per il mese di luglio. Mai però avrei pensato che quel piccolo libro si sarebbe rivelato una tale fonte di guida e saggezza durante un mese che mi ha offerto tanti alti e bassi che hanno prepotentemente riportato alla mia coscienza la consapevolezza dell’impermanenza e dell’imperfezione delle cose della vita.

Ma cos’è dunque il Wabi Sabi che Delorie ci suggerisce di praticare? 

Innanzitutto, iniziamo dal suo significato etimologico. Wabi Sabi è un termine giapponese composta da wabi povertà, semplicità e sabi , che indica quella bellezza che nasce dal passare del tempo. In kanji è scritto 侘寂. Questa parola viene usata per indicare una “concezione estetica giapponese fondata sull’accettazione dell’impermanenza e dell’imperfezione delle cose” (per saperne di più leggi qui). Secondo questa filosofia di vita dunque bisogna accettare il fatto che quasi nulla nella vita può essere perfetto secondo dei dettami prestabiliti, ma che ogni cosa ha le sue caratteristiche, spesso imperfette e asimmetriche, che le rendono speciali e uniche. Non c’è persona uguale ad un’altra, non c’è oggetto identicamente uguale ad un altro, non c’è cosa che non abbia qualche difetto o contraddizione, mentre tutto è destinato a passare. Secondo l’autore, accettare questo stato di cose può essere incredibilmente liberatorio in quanto ci consente di lasciarci andare a noi stessi e a quello che siamo veramente senza la costante ricerca di una perfezione che non potrà mai esistere e per la quale spesso finiamo con il riempire la nostra vita di biasimo e sensi di colpa.

In un periodo come questo in cui molte cose non sono andate come avevo pianificato (maniacalmente, nei più minimi particolari), è stato un balsamo per l’anima potermi ricordare che posso lasciare andare la smania di controllo e che posso respirare. Posso concedermi qualche attimo per rilassarmi. In fondo non è poi così grave che le cose siano andate diversamente dal previsto. NON deve essere sempre TUTTO perfetto. Secondo chi poi e secondo quali canoni? Se si tratta del nostro critico interiore, quello non lo soddisferemo mai! Allora perché non ritornare a respirare e decidere di fluire con la vita?

Fluire con la vita suona davvero bene e fa aprire il cuore. È così semplice eppure non ci pensavo da tempo. Fluire con la vita. Lasciare che le cose accadano. Avere fiducia che tutto andrà bene o meglio di quanto sperato. Credere che c’è un perché per come vanno le cose e sapere nel profondo che tutto è per il mio massimo bene. Tutti concetti che avevo (quasi) dimenticato nel correre quotidiano e che ritornano ogni qual volta che la vita è costretta a mettermi un freno affinché Io possa ammirare il paesaggio.

Questo è molto altro è il wabi sabi, o almeno quello che io ho compreso della bellezza struggente del momento presente a cui il wabi sabi rimanda. Una ruga, un capello bianco, una macchia, una crepa, tutte hanno avuto un loro divenire. Tutte hanno una storia da raccontare. Una storia semplice che sa di tempo che passa, di lentezza e di velocità allo stesso tempo, perché questo è inesorabile.

Se volete farvi una vostra idea del wabi sabi. Andate in libreria e sfogliate questo libro. Apritelo ad una pagina a caso e sono sicura che avrà un messaggio da darvi. Dategli una possibilità e non ve ne pentirete.

Buona lettura.

Mariù

Wabi Sabi
Trova la Bellezza nell’Imperfezione
di Oliver Luke Delorie

Armenia Edizioni 


Estratti pubblicati dal libro: 

Se volete potete distribuire liberamente questo testo, in maniera non commerciale e gratuitamente, conservandone l’integrità, comprese queste note, i nomi degli autori ed il link https://animeradianti.com

Se trovi gli articoli, le traduzioni e le recensioni di questo sito utili, per favore sostienilo con una donazione. Grazie!


Anime Radianti © 2019 All Rights Reserved

Built by RadiantFlow