Si Mangia Sempre Troppo in Fretta

Un altro punto importante del mio metodo in materia di alimentazione è la lentezza nell’assunzione del cibo. In altri termini, mangiare lentamente è una delle condizioni per stabilire la salute del secondo cervello.

Non bisogna mai ingurgitare gli alimenti, senza masticare: anche i primi bocconi devono essere abbondantemente impregnati di saliva – miscela d’acqua, proteine e sali minerali (calcio, fosforo) – che protegge i denti e, grazie ai suoi enzimi, riduce l’acidità della bocca. La sua azione disinfettante è fondamentale nel processo di assimilazione-eliminazione. La digestione, non bisogna dimenticarlo, comincia prima di mangiare, quando si ha la sensazione di avere “l’acquolina in bocca”. In caso di assenza di saliva, o di secrezione troppo debole, si rischiano molti inconvenienti, in particolare l’acidità gastrica.

Bisogna perciò stare attenti ai farmaci che modificano la composizione chimica della saliva provocando la secchezza della bocca; oltre ad alterare il sapore degli alimenti, questi prodotti hanno effetti nocivi sull’apparato gastrico. Nella categoria dei “deregolatori” dei succhi digestivi colloco il caffè e il tè, il tabacco e ogni tipo di bevanda alcolica se presa senza essere preceduta da alimenti solidi. I neurodepressori e gli antinfiammatori, ad esempio, provocano spesso disturbi digestivi, conducono a disturbi funzionali e comportano spesso la comparsa di chili superflui.

In questa prospettiva, ho ideato alcuni esercizi d’automassaggio dei mascellari del viso e del cranio che stimolano le terminazioni nervose legate al nervo vago. Non soltanto questi massaggi regolano la secrezione salivare, ma hanno anche un effetto distensivo sul sistema nervoso centrale; coinvolgono il gusto, l’olfatto, la visione e l’udito. La stimolazione dei punti sensitivi e motori del viso favorisce l’assimilazione; potrete farvi ricorso ogni volta che la saliva vi viene a mancare prima dei pasti e in caso di assunzione di farmaci. Tenete anche conto che gli esercizi di respirazione-distensione stimolano la secrezione della saliva.

Aggiungo che si è lontani dall’aver analizzato completamente gli effetti della saliva e del primo cervello sui processi di digestione. Vari laboratori hanno investito somme enormi nella speranza di riuscire a sintetizzare la saliva, risultato che costituirebbe una scoperta importante e avrebbe conseguenze benefiche nella prevenzione degli squilibri dell’apparato gastrointestinale. Ma potrà mai un farmaco sostituire la saliva, la cui secrezione si altera in una frazione di secondo per un’emozione o un messaggio emesso dal cervello superiore?

Mangiare lentamente è essenziale ma non è sufficiente; bisogna osservare anche una buona igiene della bocca. Infatti, la più piccola infezione dentaria, o carie, turba l’equilibrio chimico della saliva con conseguenze imponderabili sull’apparato digestivo: ho spesso riscontrato la sparizione completa di disturbi neurovegetativi in seguito alle cure dentarie.

Automassaggio del viso e della testa

Con i polpastrelli delle dita, massaggiatevi le mascelle e insistete sui punti dolorosi; effettuate su ogni punto pressioni in senso rotatorio-vibratorio per qualche secondo. Spostate le dita lungo il naso, intorno agli occhi, lungo le sopracciglia, sulle tempie e la fronte fino all’area in cui si trova il nervo oftalmico (collegato al vago) sulla sommità del cranio. Soprattutto, evitate ogni manovra di attrito (strofinamento).

Questo massaggio generale non stimola unicamente le ghiandole salivari, ma anche i nervi cranici del primo cervello in diretta relazione con il nervo vago che lo mantiene in armonia con la pancia. Automassaggiando il viso e la testa, raggiungete sollievo dai mal di pancia, prova della stretta interconnessione fra i due cervelli.

Tratto dal libro “La Salute Viene dalla Pancia” di Pierre Pallardy

Puoi trovare la recensione QUI.

Se trovi gli articoli, le traduzioni e le recensioni di questo sito utili, per favore sostienilo con una donazione. Grazie!


Anime Radianti © 2017 All Rights Reserved

Built by RadiantFlow